Resoconto da Bradet

Esattamente 11 giorni. 11 giorni che sono rientrata in questo paese, in questo stato. 11 giorni che spesso la testa vola in Romania, precisamente a Bradet. In questo momento, ore 23:00 eravamo soliti ritrovarci intorno a un tavolo a creare occhi o nasi o musi di animali per i nostri “copii”. Così da avere tutto pronto per il giorno successivo. Si li chiamavamo copii, ovvero bambini, anche se erano più alti e più grandi di noi. Ogni giorno ci alzavamo dal letto e facevamo una colazione salata al quanto difficile da affrontare rispetto al nostro cappuccio e ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day7

È l'ultimo giorno: "Godiamocelo!". Quoto le parole di uno dei "miei" nani grandi: indossiamo la maglietta speciale che le nane grandi pittrici hanno disegnato per noi e usciamo pronti a essere ricoperti di firme, cuori, stelle e disegni provocatori tipo un cazzo che viene subito trasformato in un coniglietto sorridente. Per tutto il giorno è caccia al pennarello e alla maglietta da autografare: ci sono quelli che mi firmano due, tre volte, quelli che scrivono centimetri e centimetri di cotone per raccontarmi la loro gioia, quelli che non mi sarei aspettata e che ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day8

È il giorno dalla partenza, degli abbracci prolungati e ripetuti, degli occhi lucidi e delle lacrime trattenute. I nani piccoli mi chiedono ancora basket, ma non c'è proprio più tempo, e la domanda successiva è inevitabilmente a che ora partiamo. Quando gli zaini sono pronti, svuotiamo la cabana e portiamo palloni e materiali direttamente dalla direttrice. In questo modo Bir ci ha evitato anche l'assalto forsennato ai regalini, "pentru regolamentu"! Riprende dalla sera prima la grande festa degli abbracci. Arriva da me uno dei nani piccoli per darmi un biglietto e mi ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day6

Come dice uno dei nani grandi, uno dei citazionisti più incredibili che abbia mai conosciuto, "quando ci si diverte, il tempo passa in fretta" e arrivano le nuvole, i fuori programma, l'improvvisazione che si fa arte del gioco. È il penultimo giorno e corro a nascondermi e a nascondere dietro le cabane, gli alberi e gli scivoli il dispiacere per la fine di un'avventura meravigliosa che si avvicina. I nani piccoli però sembrano vedere solo i miei occhi che luccicano quando riesco a fare tana, ignorando il mio splendido stile di corsa da pinguino. Eppoi arriva il fuori ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day5

È il giorno delle prime volte, quelle che che non ti aspetti, quelle che ti tolgono il respiro per l'emozione. Per la prima volta alcuni dei nani piccoli mi sono corsi incontro e hanno cominciato a urlare e a chiedere: "Basket oggi?". E io ho fatto un sorriso di quelli che levati. E alzato 4 dita per indicare a che ora avremmo giocato assieme. Per la prima volta abbiamo deciso di portare tutti e dieci palloni sul nostro campetto polveroso, consci che avremmo potuto trovarci nel delirio nero, e invece a sorpresa è stato un bellissimo caos organizzato, con i nani ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #DAY5

È il giorno delle prime volte, quelle che che non ti aspetti, quelle che ti tolgono il respiro per l'emozione. Per la prima volta alcuni dei nani piccoli mi sono corsi incontro e hanno cominciato a urlare e a chiedere: "Basket oggi?". E io ho fatto un sorriso di quelli che levati. E alzato 4 dita per indicare a che ora avremmo giocato assieme. Per la prima volta abbiamo deciso di portare tutti e dieci palloni sul nostro campetto polveroso, consci che avremmo potuto trovarci nel delirio nero, e invece a sorpresa è stato un bellissimo caos organizzato, con i nani piccoli ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day4

I nani piccoli sono delle teppe: provocatori, a volte un po' rabbiosi, contradditori negli atteggiamenti ma anche desiderosi di amore, gentilezza  e attenzione. Piccoli archetipi umani in miniatura, solo con meno sovrastrutture e forse per questo più spontanei e autentici. C'è chi mi sfida sempre e non accetta che a gestire le regole del gioco sia proprio io che poi alla fine sono pure un po' sfigata, "spazzatura brutta" come dicono qui. Però comunque due giri di staffetta sul campo da basket se li fa lo stesso, perché il playgroud è pieno e tutti urlano di gioia ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #DAY3

Giorno libero a Constanța, pranzo con carnazza rumena, bagno al mare, fotografie sparse a immortalare la bellezza che vedo intorno. Quasi tutta negli sguardi dei nani grandi che sono qui con me, anzi che più di me hanno scelto di passare due settimane delle loro vacanze in un orfanotrofio in Romania. Mi godo il loro stupore e la loro rabbia verso il mondo. Quelli che non vorrei mai perdere. "I giovani non fanno un cazzo? Dillo a tua sorella, bobaz!" (Nella foto Margherita che legge Q. Dei Wu Ming quando si chiamavano ancora Luther Blissett. Prima edizione copyleft ...

Read More


Diario di bordo da Costanta #day2

Mi sono presa della "spazzatura" e poi del maschiaccio (come dar loro torto ho tagliato pure i capelli prima di arrivare a Constanța!), mi sono resa ridicola con i bans di cui non ricordo mai le parole né le sequenze. E nonostante ciò una delle ragazzine è venuta a tirarmi dentro il cerchio! Eppoi, inshallah, è arrivato il momento del basket a spazzare via tutte le incertezze. Ho messo tre conetti sul campo, ho disegnato una mano per terra con un gesso, e poi ho applaudito ai canestri segnati, incoraggiato a provarci ancora, incitato a squarciagola: "Super", ...

Read More


Diario di bordo da Constanta #day1

Ilaria Solaini, volontaria di BIR partita per Contanta, sta tenendo un diario di viaggio rispetto alla sua esperienza di volontariato. La condividiamo più che volentieri sul nostro sito internet.  #Day 1 6.16. Arrivo in Centrale. Partenza del bus per Orio al Serio 6.20: mi aspetto già una faccia piena di sbattimenti e trovo Alice che mi ha comprato il biglietto per l'aeroporto e mi dà un bacio per presentarsi. Lei non lo sa ma io le voglio già bene. Incredibile, siamo d'accordo anche sulla strategia di imbarco: saliamo quando la coda si esaurisce e ...

Read More